STORIA DELLA
LETTERATURA ITALIANA

In questa mappa, su una immaginaria linea orizzontale del tempo che va dal 1182, data di nascita di San Francesco, al 2000, fine del secondo millennio, il nome di ogni autore è collocato graficamente all’interno delle proprie date di nascita e di morte. La lunghezza del nome di ogni autore rappresenta, in scala, la lunghezza della sua vita. Risultano visivamente evidenti la contemporaneità e la successione cronologica dei vari autori.

« Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5.000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito... Perché la lettura è un’immortalità all’indietro. »

Umberto Eco | semiologia, scrittore

È consuetudine datare l’inizio della letteratura italiana nel XII secolo, quando nelle diverse regioni della penisola italiana si iniziò a scrivere in italiano con finalità letterarie. Il primo documento di cui sia noto l’autore è considerato il Cantico delle creature di Francesco d’Assisi. Da qui si dipana una storia lunga oltre otto secoli dove non sempre siamo in grado di ricordare la contemporaneità o la successione cronologica dei diversi autori.

Un originalissimo complemento d’arredo e un inedito strumento didattico-divulgativo.

Un arazzo di parole con
• 260 autori accompagnati da note personali
• 91 paragrafi dedicati alle correnti letterarie dei diversi secoli
• 300.000 battute di testo in totale.

SCHEDA TECNICA

"STORIA DELLA
LETTERATURA ITALIANA"
Unico formato cm 140 x cm 148
In alcuni casi è stato realizzato più grande.

AUTRICE: Ricerca e testi a cura di Angela di Donna

REALIZZATO IN COTONE

"STORIA DELLA LETTERATURA ITALIANA" presenta un'abbondanza sui quattro lati per permettere una facile e corretta intelaiatura.

La mappa è un gioiello di artigianato digitale dove tutti i testi, realizzati opportunamente per la loro collocazione, si incastrano a meraviglia.

Le nostre mappe, composizioni di testi incastonati e collegati tra loro, mal sopportano di essere messi sotto vetro. Nel caso, si raccomanda un vetro antiriflesso. Abitualmente vengono intelaiati come normali quadri a vista. Le cornici, a volte, vengono direttamente dipinte sulle pareti.